Il Festival dell’italiano e delle lingue d’Italia (Firenze, dall’11 al 13 novembre 2021)

Festival dell’italiano e delle lingue d’Italia – Visioni. Dante, la Notte della lingua italiana, i nuovi linguaggi, la prima edizione fiorentina avrà luogo dall’11 al 13 novembre 2021.

Tutti gli eventi sono gratuiti e su prenotazione. Obbligatorio green pass.

IL PROGRAMMA

11 novembre

 

Biblioteca delle Oblate

Dantesca

Ore 17.00 Filippo La PortaL’attuale “inattualità” di Dante

Ore 17.45 Marco GrimaldiIl vocabolario sentimentale dantesco

Ore 18.30 Trifone GarganoRime petrose e “orribili favelle”. Dante a suon di tweet

11 novembre

 

Fondazione Zeffirelli (Sala della Musica)

Dantesca

Ore 20.45 Tommaso CernoLa Commedia (infernale) del potere

Premio “Visioni”

Ore 21.30 Alessandro D’Avenia. Assegnazione del Premio Visioni.

12 novembre

 

Biblioteca delle Oblate

Italiano d’oggi e grammatiche “visive”

Ore 17.00 Francesca ChiusaroliDante, Leopardi, Collodi in emoji

Dantesca

Ore 18.15 Giulio FerroniI luoghi di Dante

12 novembre

 

Fondazione Zeffirelli (Sala della Musica)

La Notte della lingua italiana

Premio “Visioni”

Ore 20.45 Gian Luigi BeccariaParole perdute. Assegnazione del Premio Visioni

Premiazioni dei vincitori del contest lanciato da Twletteratura. Con la partecipazione di Pierluigi Vaccaneo

Ore 21.30 La lingua italiana tutta da (ir)ridere. Fra musica, gesti e parole

Conduce Massimo Arcangeli

Spot. Io sono la lingua italiana

Alberto Solari e l’orchestra ritmico-sinfonica della RemutoA come amare

L’amor cortese e lo Stil Novo: il lessico sentimentale

The Stillnovisti, la band

Walter LazzarinSe l’acrostico potesse “tautogrammarsi”

Come un ipertesto. La “Commedia” segreta

Alberto Solari e l’orchestra ritmico-sinfonica della RemutoLe prime quattro quartine dell’Inferno

Trifone Gargano, Dante a suon di tweet

Le (male) parole di Dante

Pierluigi VaccaneoVersi danteschi famosi tradotti (in dialetto) in un tweet (10 minuti)

Dai dialetti all’italianostorie di parole tangibili e intangibili

Andrea e SimoneDetti fatti. Parole in valigia che diventano cose

…e oggetti nominati con parole antiche (e appositamente resuscitate)

Alberto Solari e l’orchestra ritmico-sinfonica della RemutoMa quando fai l’eristico

Giada Trebeschi e Giorgio RizzoDesuetema non troppo

L’italiano da salvare. Fra parola e immagine

Tiziana Mari e i suoi studentiSe i quadri potessero pensare

Luca VulloIl linguaggio del corpo

#Senza parole. La gestualità nel cinema italiano

Luca VulloI gesti degli altri

Inglesi, troppo inglesi: il “neoitaliano”

Ernesto AssanteQuando eravamo “politicamente scorretti”. La canzoni di una volta (15 minuti)

La satira al tempo del politicamente corretto

Stefano Andreoli (Spinoza), Francesco Dominelli (Se i social network fossero sempre esistiti), Federico Palmaroli (Osho), Gianni Zoccheddu (Lercio)

L’italiano al tempo dei social

Alberto Solari e l’orchestra ritmico-sinfonica della RemutoTornando dal gerundio

Fiorella AtzoriSgrammaticando

Leggere, scrivere digitare

Alberto Solari e l’orchestra ritmico-sinfonica della RemutoUn paese chiamato lettura

13 novembre

 

Biblioteca delle Oblate

Dantesca

Ore 17.00 Alberto CasadeiLe selve di Dante

Ore 17.45 Pier Federico SanguinetiDante e le parolacce

13 novembre

 

Fondazione Zeffirelli (Sala della Musica)

Premio “Visioni”

Ore 20.45 Antonio Scurati. Assegnazione del premio Visioni

Premio speciale Visioni al talento giovanile

Ore 21.30 Barbara De Rossi e Massimo ArcangeliDante, Petrarca, il Medioevo e le donne. Con la partecipazione di Lorenzo Andreaggi

Letizia Pini

Ufficio Stampa Parole in Cammino

3336995826