RETROTECA: Deprivation (a MIXED REALITY short film)

This short film was created during the virtual international MIXED REALITY exchange in July 2020 and is part of a collective narration on the topics of “proximity and distance”, “communication and isolation” and “physical and virtual encounter” that can be found at http://stories.rrcgn.de/

A Project by Rebecca Lena, Francesca Pignanelli, Christin de-Sousa Figueira, Eleni Katsiouli and Sara Capanna Direction Rebecca Lena and Francesca Pignanelli Performers Sara Capanna, Christin de-Sousa Figueira and Eleni Katsiouli Camera Rebecca Lena, Francesca Pignanelli, Alexandros Chartonas and Young-Jean Maeng Video editing Rebecca Lena Music Production Maximien Aldebert Special Thanks to Aglaia Naka, Bahar Gökten, Giannis Chatziantoniou and Susannah Iheme

Continua a leggere “RETROTECA: Deprivation (a MIXED REALITY short film)”

RETROTECA: La Comune di Parigi e l’Europa della Comunità?

Dialogo tra Luciano Curreri e Alessandro Barbero

Torino, 10 Dicembre 2019. Registrato presso ‘Il Circolo dei Lettori’ di Torino

LUCIANO CURRERI , LA COMUNE DI PARIGI E L’EUROPA DELLA COMUNITÀ? edito da QUODLIBET

FONTE: https://www.youtube.com/watch?v=0_yg6sBTnZw


RETROTECA su Retroguardia

RETROTECA youtube: http://www.youtube.com/user/retroguardia

 

RETROTECA: Edoardo Sanguineti e la sua poesia

Dal 1981 a oggi, un piccolo tesoro riportato alla luce. Edoardo Sanguineti a Ravenna parla, legge e risponde al pubblico in sala: che cos’è la poesia? che cosa significa essere poeta? qual è l’impatto della poesia sulla contemporaneità?

Questo e altro in una corposa e illuminante intervista, ripresa in modo amatoriale con i mezzi di qualche decennio fa, quando la passione per gli argomenti faceva passare in secondo piano l’imperfetta tecnica, e conservata negli archivi in attesa di essere riscoperta.

“Edoardo Sanguineti e la sua poesia”
Ravenna, Galleria La Bottega, 20 marzo 1981

Si ringrazia la famiglia Sanguineti per il consenso alla pubblicazione del video.

FONTE: https://youtu.be/mQwjy0K-dd8


RETROTECA su Retroguardia

RETROTECA youtube: http://www.youtube.com/user/retroguardia

 

“Il cielo è trapunto di piccole stelle” di Giuseppe Panella [In memoria]

“Il cielo è trapunto di piccole stelle”, poesia di Giuseppe Panella sull’impossibilità dell’uomo di ovviare al suo destino con i sentimenti, che lo prendono e le contraddizioni che lo attanagliano. Ascoltiamo, in omaggio, le sue parole, gettate nel cielo in cui volò due anni fa, il 20 maggio 2020, lasciandoci uno straziante ricordo. Video tratto da “Autoritratti”, recital realizzato con la “ProSelva in agosto 2020.” (Natalizia Pinto)

[Invitiamo i lettori di RETROGUARDIA a segnalarci o ad inviare tramite email materiale inedito o edito su e di Giuseppe Panella. Ringraziamo Natalizia Pinto per averci segnalato questo video (f.s.)]

RETROTECA: “Come insegnare l’italiano” di Francesco Sabatini

Pubblichiamo qui sei video che sintetizzano i temi trattati dal prof. Francesco Sabatini, emerito di Linguistica italiana dell’Università Roma Tre e presidente onorario dell’Accademia della Crusca, nell’ambito del corso di aggiornamento e formazione per insegnanti delle scuole secondarie di 2° grado su come insegnare l’italiano.


Continua a leggere “RETROTECA: “Come insegnare l’italiano” di Francesco Sabatini”

RETROTECA: Milo De Angelis parla del “De rerum natura” di Lucrezio

Serata a cura di Milo De Angelis

Milo De Angelis parla del De rerum natura di Lucrezio e presenta alcune sue nuove traduzioni. Letture di Viviana Nicodemo.

Tutti noi ricordiamo per memoria scolastica le formidabili scene in cui la natura di Lucrezio su manifesta in tutta la sua catastrofica potenza: voragini, incendi, uragani, terremoti, forza immense che sovrastano l’uomo e lo schiacciano, povera canna al vento. Ma il De rerum natura è anche un’opera in cui l’uomo viene scrutato in ogni suo aspetto, con affondi mirabili nelle zone più buie e drammatiche della sua vita interiore, come vediamo nelle pagine dedicate all’amore, tra le più crudeli che siano mai state scritte su questo tema grandioso.

FONTE: https://youtu.be/UDjy-nYUflM


RETROTECA youtube: http://www.youtube.com/user/retroguardia

 

RETROTECA: Géza Szőcs, poeta della rivoluzione – in memoriam

Serata a cura di a cura di Tomaso Kemeny

Il poeta ungherese Géza Szőcs è scomparso lo scorso 5 novembre all’età di 67 anni. È stato spesso in Italia, dove ha partecipato anche alle imprese mitomoderniste capitanate dall’amico Tomaso Kemeny, come l’occupazione nel 2011 del leopardiano colle dell’Infinito. Un’imponente antologia di suoi testi è stata pubblicata nel 2017 per i tipi di Jacabook “Né l’esistenza né la scala”. A una settimana dalla dipartita delle sue spoglie mortali, ma non della sua voce, lo ricordano leggendo alcuni suoi testi Tomaso Kemeny e Amos Mattio

FONTE: https://youtu.be/u00wXY7qk-0


RETROTECA youtube: http://www.youtube.com/user/retroguardia

 

RETROTECA: Zanzotto 99 – Poetry and the city

La III edizione di “Poetry and the city” è dedicata ad Andrea Zanzotto, alla vigilia dei cent’anni dalla nascita del poeta di Pieve di Soligo, nell’appuntamento dal titolo “Zanzotto-99”. A ricordarlo con la lettura di alcune sue poesie Nicola Gardini, Vivian Lamarque, Vittorio Lingiardi e Patrizia Valduga. Sono previsti gli interventi di Marzio Breda e Giovanni Zanzotto, un saluto della famiglia del poeta e delle organizzatrici di Poetry, Cristina Battocletti e Giuseppina Manin. Purtroppo, a causa dell’emergenza Covid, è rimandato all’anno prossimo l’incontro alla BAM, Biblioteca degli alberi, dove sarebbe stato proclamato il vincitore del concorso dedicato al tema di Bookcity, Terra nostra.

Regia e riprese video originali (©) di Alvise Tedesco Fotografie a 3’20, 46’25, 48’50, 48’58, gentile concessione Graziano Arici Fotografie a 7’36, 45’45, 49’04, gentile concessione Vincenzo Cottinelli Fotografie a 17’03, 17’19, 17’38, 44’05, 45’22, 45’36, 45’41, 46’03, 46’11, 46’15, 46’36, 46’41, 46’51, 47’05, da archivio Giovanni Zanzotto Fotografia a 43’56 gentile concessione Danilo de Marco (Che ho dimenticato di ringraziare. Lo faccio ora) Fotografia a 46’33 gentile concessione Paolo Steffan (Creative commons licence)

FONTE: https://youtu.be/LCv-B5-hEfM


RETROTECA youtube: http://www.youtube.com/user/retroguardia

RETROTECA: Omaggio a Emanuele Severino. L’Occidente e il Destino

Omaggio a Emanuele Severino. L’Occidente e il Destino

Intervengono: Massimo Cacciari, Carlo Sini, Emanuele Severino Antonio Gnoli (coordina)

Il Teatro Franco Parenti, mentre Adelphi sta pubblicando l’Opera omnia di Emanuele Severino (Dike è l’ultimo edito), ha organizzato una serata omaggio dedicata al pensiero del nostro più grande filosofo, dal titolo L’Occidente e il Destino per indagare il rapporto tra lo sviluppo della civiltà occidentale e la verità.

Progetto Cittadella Luna con il sostegno di Fondazione Cariplo. Video a cura di Victor Mella

RETROTECA: Alessandro Baricco, “La fama di Achille”

La parola omerica che tramanda le gesta di Achille resta paragone essenziale nella costruzione della fama. È Alessandro Baricco a farla risuonare in un lavoro sul testo che alterna riflessione e lettura, commento, riscrittura e montaggio.

Alessandro Baricco
La fama di Achille
festivalfilosofia 2014 | gloria
Venerdì 12 Settembre 2014
Modena

http://www.festivalfilosofia.it

FONTE: https://www.youtube.com/watch?v=OoPIi0Lw2Xg


RETROTECA youtube: http://www.youtube.com/user/retroguardia

RETROTECA: Michele Ciliberto, “Rinascimento homo miraculum magnum”

4° incontro del ciclo LA FILOSOFIA E LE METAMORFOSI DELL’ESSERE a cura di Fulvio Papi.

I filosofi della rivoluzione francese ci hanno trasmesso un’idea universale di uomo con i suoi diritti sociali. È un’eredità che è stata combattuta per oltre cento anni da posizioni etiche, scientifiche, etnologiche, politiche, educative, razziste, ma che ora rinasce in nuove forme dopo le catastrofi dei totalitarismi del Novecento e l’attuale dominio planetario del mercato e della comunicazione. È l’eredità europea che può essere difesa per contrastare la crisi planetaria.

FONTE: https://www.youtube.com/watch?v=Q0cI87K_eSE


RETROTECA youtube: http://www.youtube.com/user/retroguardia

RETROTECA: Omaggio a Mario Benedetti

16/04/20: Omaggio a Mario Benedetti, La Casa della Poesia di Milano

Mario Benedetti, autore di “Umana gloria” (Mondadori, 2004) e si cui sono state recentemente pubblicate “Tutte le poesie” (Garzanti, 217), è una delle oltre 20mila vittime del Covid-19, che se l’è portato via il 27 marzo scorso. Ricordiamo in quest’occasione l’amico e il poeta. Intervengono i poeti Fabrizio Bernini, Riccardo Olivieri, Mario Santagostini, Gian Mario Villalta. Lettura di testi dell’attrice Sonia Grandis.

FONTE: https://www.youtube.com/watch?v=jXxqTsgUadE&feature=youtu.be

Mario Benedetti su RETROGUARDIA


RETROTECA youtube: http://www.youtube.com/user/retroguardia

RETROTECA: “Alla ricerca di Omero: quale Omero noi leggiamo?” di Antonio Aloni

Antonio Aloni, professore ordinario di letteratura greca presso l’Università degli Studi di Torino, ci guida nella ricostruzione della memoria, della tradizione orale, fra presente e passato, attraverso i canti di Omero.
Ha moderato l’incontro il presidente dell’Associazione Italiana di Cultura Classica con sede in Vercelli, prof.sa Maria Pia Saviolo Magrassi. Letture di Roberto Sbaratto.

RETROTECA youtube: http://www.youtube.com/user/retroguardia

Ritorno all’Hegel-Kant Asylum. Introduzione a “Piscine sommerse ed altre immersioni” di Enrico Piva

Introduzione di Vittore Baroni a Piscine sommerse ed altre immersioni di Enrico Piva

Con Enrico Piva ho un debito da saldare, ed è per questo che ora sono qui. I faldoni del mio archivio che raccolgono vent’anni
di discontinua corrispondenza intercorsa tra noi mi scrutano con aria di rimprovero. Un suo collage incorniciato, che incorpora un vero tirapugni d’acciaio, incombe minaccioso dalla parete. È giunto il momento, dopo una eternità di rinvii e tentennamenti,
di chiudere il conto. Data la totale assenza (anche in rete) di notizie sul personaggio, prima di introdurre il peculiare scritto
inedito di Piva presentato in esclusiva da [dia•foria occorrerà però un minimo di premessa storico-biografica, per inquadrare almeno a grandi linee la personalità di uno degli autori più atipici e schivi (mai un concerto in pubblico!) della nostra scena sonora sotterranea degli Ottanta. Scomparso dalle cronache musicali alla fine di quel decennio, di Piva non si è poi saputo più nulla.
Sulla dozzina (e passa) di cassette più o meno ufficiali da lui pubblicate, prima con la sigla Amok e poi a proprio nome, è calato il più totale oblio. Perfino tra i suoi contatti più assidui, in mancanza di riscontri diretti, sono circolate negli anni leggende
che davano il nostro a condurre vita eremitica in climi tropicali, oppure perito a seguito di una caduta durante una delle sue imprese di arrampicata libera o praticando qualche altro sport estremo.
La realtà, come abbiamo poi scoperto e verificato, è purtroppo più triste e prosaica.

Continua a leggere “Ritorno all’Hegel-Kant Asylum. Introduzione a “Piscine sommerse ed altre immersioni” di Enrico Piva”

Dall’Amor Cortese all’Amore-Passione

“Se l’arte deve avere la capacità di commuovere, di far vibrare le corde delle nostre emozioni, la musica diventa il linguaggio più immediato e più diretto delle nostre passioni.”

Se le relazioni tra i sessi all’epoca del massimo fulgore delle corti erano state improntate al neo-platonismo dell’amore cortese (con ampie concessioni all’amore carnale) il passaggio all’amore come passione avverrà nel Seicento con l’esplosione del fenomeno delle Lettere di una monaca portoghese. Dopo di esse, grazie allo strepitoso successo della Nuova Eloisa di Jean-Jacques Rousseau, l’amore conoscerà il trionfo sia dell’amore-passione in cui vengono privilegiati i sentimenti liberi dalle convenzioni morali che dell’amore-vanità in cui moda e condotta sociale avranno lo spazio maggiore.

Fonte: https://www.youtube.com/watch?v=UHo_451ch9I

Padrone del loro destino: le donne e il mondo delle corti rinascimentali

“Il Rinascimento è stato un’epoca di donne. Di donne straordinarie che hanno dato il segno del periodo, che l’hanno influenzato, che hanno dato un indirizzo notevole, sia dal punto di vista politico, che dal punto di vista culturale e sentimentale”.

La figura femminile acquista nel mondo delle corti rinascimentali un’importanza straordinaria sia sotto il profilo culturale e politico che di quello delle relazioni sentimentali e sessuali. Personaggi come Lucrezia Borgia o Isabella Gonzaga (la sua più acerrima nemica) o Caterina Cornaro regina di Cipro acquistano un’importanza geo-politica che travalica di molto le loro leggendarie doti amatorie. Isabella Gonzaga soprattutto spicca tra di esse. L’appuntamento da parte del ciclo di incontri “Del Domani non c’è Certezza – Tre incontri su Amore, Cultura e Moda nelle corti del Rinascimento”

Fonte: https://www.youtube.com/watch?v=uNV6Zmyc0Fs

“Il Mondo Nuovo. Le radici illuministiche della Modernità” a cura di Giuseppe Panella

“Il Mondo Nuovo. Le radici illuministiche della Modernità” è il nome di una serie incontri nati per raccontare in modo rigoroso ma NON accademico tutte le possibili sfaccettature del Settecento.
Nel corso di quattro serate, Giuseppe Pannella (vice-presidente della Società Filosofica Italiana sezione di Prato e Ricercatore presso la Scuola Normale Superiore) converserà con studiosi, curatori museali e artisti per delineare i caratteri principali di un secolo ricco di trasformazioni.

Il Mondo Nuovo. Il Secolo Educatore

.

Continua a leggere ““Il Mondo Nuovo. Le radici illuministiche della Modernità” a cura di Giuseppe Panella”